Richiedere nulla-osta abbattimento piante tutelate.


Che cosa e' e a che cosa serve: 

Tutti gli interventi di abbattimento di piante tutelate ai sensi dell’art.  3 del Regolamento del verde pubblico e privato, presenti sia su aree pubbliche sia su aree private, sono soggetti a rilascio di nulla-osta da parte del Settore Sostenibilita Ambientale e Arredo Urbano.

Chi può presentarla: 

Il proprietario/amministratore condominiale/altri soggetti aventi titolo

Documentazione richiesta: 
  • ubicazione ed identificazione della/e pianta/e per cui si richiede nulla-osta (planimetria,ortofoto, mappa o altro documento che illustri i luoghi in scala adeguata);
  • Marca da bollo da 16€ debitamente annullata e per abbattimento di piante di circonferenza del tronco superiore a 80cm anche:
  • ubicazione e identificazione delle nuove essenze arboree da mettere a dimora sul proprio fondo (planimetria, ortofoto, mappa o altro documento che illustri i luoghi della piantagione prevista, in scala adeguata);
  • Relazione botanica fitosanitaria a firma di professionista abilitato (dott. agronomo, dott. forestale, perito agrario, agrotecnico iscritti ai rispettivi ordini o collegi) contenente la descrizione delle piantetutelate interessate dall’abbattimento e le motivazioni tecniche a giustificazione dei lavori, la compensazione come prevista all’art. 4.1, il progetto di piantagione di alberi
Costi: 

 

Informazioni Utili: 

Il Settore Sostenibilità Ambientale e Arredo Urbano entro il termine di 30 giorni dal ricevimento della richiesta, accertati i presupposti e fatta salva la tempistica necessaria per eventuali pareri, rilascia apposito nulla-osta con indicate eventuali prescrizioni, con particolare riferimento alle modalità di compensazione da attuarsi. La richiesta d’integrazione documentale o di parere da parte di enti sovraordinati sospende il termine dei 30 gg. precedentemente indicati. Per la sostituzione di piante tutelate i lavori devono essere eseguiti entro un anno dal rilascio del nulla-osta, nel periodo agronomicamente corretto (normalmente in riposo vegetativo).

Regolamento: 

Regolamento comunale per la gestione e tutela del verde pubblico e privato

Responsabile del Procedimento: 
Arch. Luciano Tonetti
Ufficio di riferimento: 
Settore Sostenibilità Ambientale e Arredo Urbano